CLICCA QUI SE TI PIACE

INNAMORATI DELLA MADONNA DEL SASSOLINO E DEL CUORE DI GESÚ: GOCCE DI LUCE.

 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista degli utentiLista degli utenti   Gruppi utentiGruppi utenti   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi PrivatiMessaggi Privati   LoginLogin 

Benedizione agli amici del FORUM:Per intercessione del Cuore Immacolato di Maria vi benedica Dio Onnipotente: Padre, Figlio e Spirito Santo. Amen.Don Armando Maria... Vi comunichiamo che è online il nuovo sito www.goccediluce.org. Lo Staff
TOTO' - ANTONIO DE CURTIS

 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Le Poesie dei Grandi Poeti
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Beldanubioblu



Registrato: 24/09/05 18:59
Messaggi: 2017
Località: Triginto/Mediglia (Milano)

MessaggioInviato: Sab Feb 24, 2007 5:24 pm    Oggetto: TOTO' - ANTONIO DE CURTIS Rispondi citando

CLICCA per il video




Antonio de Curtis in arte Totò


Quando si chiede alla gente di Napoli – ma non solo – chi è o cosa rappresenta Totò si avverte subito che tra chi pone le domande e chi risponde si stabilisce un clima di serena complicità, che favorisce immediatamente una compiaciuta, ma mai superficiale, conversazione. Anzi si diventa ben presto consapevoli che si sta affrontando uno di quei temi che a Napoli occupano un posto particolare, che esula dal mondo della sensibilità quotidiana:

"Il migliore attore comico e uno dei migliori simboli della napoletanità. A tutt'oggi ho rivisto e strarivisto i suoi film senza mai stancarmi.", "Un mito, un esempio di umanità e comicità.", "La comicità semplice, quella fatta di sottile ironia e forte sensibilità.", "Un'isola di serena ed autentica comicità, dove periodicamente lascio naufragare la mia mente."
Questa sensazione diventa ancora più forte quando si chiede cosa rappresenta Totò per Napoli:

"È come la risata di Pulcinella, il sapore della Pizza, un verso di Di Giacomo, un'espressione di Eduardo", "Un monumento storico.", "Un'icona delle sue contraddizioni storiche.", "Un simbolo da esportare nel mondo intero.", "Una grande occasione fino ad ora trascurata.".

Totò è amato ed apprezzato da tante generazioni di italiani per i suoi film ed i suoi indimenticabili sketch televisivi, ricordato per le sue celebri frasi (“Siamo uomini o caporali”, “Ma mi faccia il piacere”, “A prescindere”,...) e per la struggente lirica di Malafemmena.
Ma tutti a Napoli hanno almeno una volta recitato, se non per intero, almeno alcune strofe della poesia 'A livella, che costituisce senza dubbio una delle più grandi testimonianze di napoletanità.





Battute celebri

Lei è la sorella? E da quanto tempo?
Prendo tre caffè alla volta per risparmiare due mance.
Elena di donna…donna…donna: questo nome non mi è nuovo.
A volte anche un cretino ha un'idea.
I parenti sono come le scarpe: più sono stretti più fanno male.
Sono un uomo di mondo: ho fatto tre anni di militare a Cuneo.
A me i gatti neri mi guardano in cagnesco.
E' un affare? No è un furto, garantisco io.
Toglimi una curiosità, tuo zio è sempre morto?
Devo andare ad un funerale di un morto.
Tutti i giorni lavoro, onestamente, per fregare la legge.
Questi modi sono interurbani.
La sua vita si svolge tra casa e chiesa…E va be', ma nel tragitto cosa succede?
Giura su qualcosa di più sacro del tuo onore: la tua fame.
Non posso morire! C'ho un appuntamento.
Io quando fingo, fingo sul serio.
Modestamente, la circolazione ce l'ho nel sangue.
Parola d'onore onorevole?
Se ognuno pensasse agli incassi suoi.
E' la somma che fa il totale.
" I soldi si fabbricano al Policlinico dello Stato. " (La banda degli onesti)
A casa nostra, nel caffelatte non ci mettiamo niente: nè il caffè, nè il latte. " (Miseria e nobiltà)
" Io sono turco, turco dalla testa ai piedi, ho persino gli occhi turchini. " (Il turco napoletano)
" Egizio, ti sei messo la corazza? Allora sei pronto? " Signori in corazza!(Totò contro Maciste)
" Signori si nasce, io lo nacqui. " (Signori si nasce)
" Io non rubo, integro. D'altra parte in Italia chi è che non integra? " (Fifa e Arena)
" Signora, lei vuol vedere il bollito, così davanti a tutti? E va bene, de gustibus non est sputazzendam. "(Totò, Vittorio e la dottoressa)
" Ho un ottimo rimedio contro i mali di capo, i dolori capuani. "(Sua Eccellenza si fermò a mangiare)
" Futurista,impressionista, realista? Veramente io sono socialdemocratico monarchico napoletano."
(Totò cerca casa)
" Che ve ne fate della mia pelle? E' una pellaccia, un'imitazione... "(Totò sceicco)
" Sprizzo salute da tutti i pori, sono uno sprizzatoio. "(Totò cerca pace)




_________________
Il sole non ti serve per vedere perchè tu luce sei in mezzo al buio...(Lucia Di Iulio)


Ultima modifica di Beldanubioblu il Sab Feb 24, 2007 6:44 pm, modificato 4 volte in totale
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Beldanubioblu



Registrato: 24/09/05 18:59
Messaggi: 2017
Località: Triginto/Mediglia (Milano)

MessaggioInviato: Sab Feb 24, 2007 5:38 pm    Oggetto: Rispondi citando





POESIE



'A livella

Ogn'anno,il due novembre,c'é l'usanza
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno ll'adda fà chesta crianza;
ognuno adda tené chistu penziero.

Ogn'anno,puntualmente,in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch'io ci vado,e con dei fiori adorno
il loculo marmoreo 'e zi' Vicenza.

St'anno m'é capitato 'navventura...
dopo di aver compiuto il triste omaggio.
Madonna! si ce penzo,e che paura!,
ma po' facette un'anema e curaggio.

'O fatto è chisto,statemi a sentire:
s'avvicinava ll'ora d'à chiusura:
io,tomo tomo,stavo per uscire
buttando un occhio a qualche sepoltura.

"Qui dorme in pace il nobile marchese
signore di Rovigo e di Belluno
ardimentoso eroe di mille imprese
morto l'11 maggio del'31"

'O stemma cu 'a curona 'ncoppa a tutto...
...sotto 'na croce fatta 'e lampadine;
tre mazze 'e rose cu 'na lista 'e lutto:
cannele,cannelotte e sei lumine.

Proprio azzeccata 'a tomba 'e stu signore
nce stava 'n 'ata tomba piccerella,
abbandunata,senza manco un fiore;
pe' segno,sulamente 'na crucella.

E ncoppa 'a croce appena se liggeva:
"Esposito Gennaro - netturbino":
guardannola,che ppena me faceva
stu muorto senza manco nu lumino!

Questa è la vita! 'ncapo a me penzavo...
chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!
Stu povero maronna s'aspettava
ca pur all'atu munno era pezzente?

Mentre fantasticavo stu penziero,
s'era ggià fatta quase mezanotte,
e i'rimanette 'nchiuso priggiuniero,
muorto 'e paura...nnanze 'e cannelotte.

Tutto a 'nu tratto,che veco 'a luntano?
Ddoje ombre avvicenarse 'a parte mia...
Penzaje:stu fatto a me mme pare strano...
Stongo scetato...dormo,o è fantasia?

Ate che fantasia;era 'o Marchese:
c'o' tubbo,'a caramella e c'o' pastrano;
chill'ato apriesso a isso un brutto arnese;
tutto fetente e cu 'nascopa mmano.

E chillo certamente è don Gennaro...
'omuorto puveriello...'o scupatore.
'Int 'a stu fatto i' nun ce veco chiaro:
so' muorte e se ritirano a chest'ora?

Putevano sta' 'a me quase 'nu palmo,
quanno 'o Marchese se fermaje 'e botto,
s'avota e tomo tomo..calmo calmo,
dicette a don Gennaro:"Giovanotto!

Da Voi vorrei saper,vile carogna,
con quale ardire e come avete osato
di farvi seppellir,per mia vergogna,
accanto a me che sono blasonato!

La casta è casta e va,si,rispettata,
ma Voi perdeste il senso e la misura;
la Vostra salma andava,si,inumata;
ma seppellita nella spazzatura!

Ancora oltre sopportar non posso
la Vostra vicinanza puzzolente,
fa d'uopo,quindi,che cerchiate un fosso
tra i vostri pari,tra la vostra gente"

"Signor Marchese,nun è colpa mia,
i'nun v'avesse fatto chistu tuorto;
mia moglie è stata a ffa' sta fesseria,
i' che putevo fa' si ero muorto?

Si fosse vivo ve farrei cuntento,
pigliasse 'a casciulella cu 'e qquatt'osse
e proprio mo,obbj'...'nd'a stu mumento
mme ne trasesse dinto a n'ata fossa".

"E cosa aspetti,oh turpe malcreato,
che l'ira mia raggiunga l'eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
avrei già dato piglio alla violenza!"

"Famme vedé..-piglia sta violenza...
'A verità,Marché,mme so' scucciato
'e te senti;e si perdo 'a pacienza,
mme scordo ca so' muorto e so mazzate!...

Ma chi te cride d'essere...nu ddio?
Ccà dinto,'o vvuo capi,ca simmo eguale?...
...Muorto si'tu e muorto so' pur'io;
ognuno comme a 'na'ato é tale e quale".

"Lurido evviva!...Come ti permetti
paragonarti a me ch'ebbi natali
illustri,nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali?".

"Tu qua' Natale...Pasca e Ppifania!!!
T''o vvuo' mettere 'ncapo...'int'a cervella
che staje malato ancora e' fantasia?...
'A morte 'o ssaje ched''e?...è una livella.

'Nu rre,'nu maggistrato,'nu grand'ommo,
trasenno stu canciello ha fatt'o punto
c'ha perzo tutto,'a vita e pure 'o nomme:
tu nu t'hè fatto ancora chistu cunto?

Perciò,stamme a ssenti...nun fa''o restivo,
suppuorteme vicino-che te 'mporta?
Sti ppagliacciate 'e ffanno sulo 'e vive:
nuje simmo serie...appartenimmo à morte!"




'E pezziente

All'angolo 'e via Chiaia
se mette nu pezzente
'e puosto tutt' 'e juorne,
e nun accocchie niente.
Pulito, dignitoso,
nu stenne maie na mana;
ll'uocchie 'nchiuvate 'nterra
pe na jurnata sana.

'A ggente nun 'o guarda
e nun 'o ffanno apposta:
pe ffà chillu mestiere
nce vò 'a faccia tosta!

Io ne cunosco a uno:
Peppino " 'a Fiurella!".
S' 'a fà a Santa Teresa,
vicino 'a Parrucchiella.

Si 'o daje na cinche lire
'o sango lle va stuorto,
t' 'a jetta 'nnanze 'e piere
e arreto te fa 'e muorte.

Dà 'e sorde c' 'o 'nteresse,
'a sera va 'a cantina;
tene pure 'a "seicento",
tre cammere e cucina.

Invece chillo 'e Chiaia,
misero e vergognoso,
stanotte è muorto 'e famme,
povero e dignitoso.





Sarchiapone e Ludovico
Teneva diciott'anne Sarchiapone,
era stato cavallo ammartenato,
ma... ogne bella scarpa nu scarpone
addeventa c' 'o tiempo e cu ll'età.
Giuvinotto pareva n'inglesino,
uno 'e chilli cavalle arritrattate
ca portano a cavallo p' 'o ciardino
na signorina della nobiltà.

Pronto p'asc'i sbatteva 'e ccianfe 'nterra,
frieva, asceva 'o fummo 'a dint' 'o naso,
faville 'a sotto 'e piere, 'o ffuoco! 'A guerra!
S'arrevutava tutt' 'a Sanità.

Ma... ogni bella scarpa nu scarpone
c' 'o tiempo addeventammo tutte quante;
venette pure 'o turno 'e Sarchiapone.
Chesta è la vita! Nun ce sta che ffà.

Trista vicchiaja. Che brutto destino!
Tutt' 'a jurnata sotto a na carretta
a carrià lignammo, prete, vino.
"Cammina, Sarchiapò! Cammina, aah!".

'0 carrettiere, 'nfamo e disgraziato,
cu 'a peroccola 'nmano, e 'a part' 'o gruosso,
cu tutt' 'e fforze 'e ddà sotto 'o custato
'nfaccia 'a sagliuta p' 'o fà cammenà.

A stalla ll'aspettava Ludovico,
nu ciucciariello viecchio comm' a isso:
pe Sarchiapone chisto era n'amico,
cumpagne sotto 'a stessa 'nfamità.

Vicino tutt' 'e ddute: ciuccio e cavallo
se facevano 'o lagno d' 'a jurnata.
Diceva 'o ciuccio: "I' nce aggio fatto 'o callo,
mio caro Sarchiapone. Che bbuò fà?

lo te capisco, tu te si abbeluto.
Sò tutte na maniata 'e carrettiere,
e, specialmente, 'o nuosto,è 'o cchiù cornuto
ca maie nce puteva capità.

Sienteme bbuono e vide che te dico:
la bestia umana è un animale ingrato.
Mm' he a credere... parola 'e Ludovico,
ca mm' è venuto 'o schifo d' 'o ccampà.

Nuie simmo meglio 'e lloro, t' 'o ddico io:
tenimmo core 'mpietto e sentimento.
Chello ca fanno lloro? Ah, no, pe ddio!
Nisciuno 'e nuie s' 'o ssonna maie d' 'o ffà.

E quanta vote 'e dicere aggio 'ntiso:
"'A tale ha parturito int' 'a nuttata
na criatura viva e po' ll'ha accisa.
Chesto na mamma ciuccia nun 'o ffà!".

"Tu che mme dice Ludovico bello?!
Overo 'o munno è accussi malamente?".
"E che nne vuo sapè, caro fratello,
nun t'aggio ditto tutta 'a verità.

Tu si cavallo, nobile animale,
e cierti ccose nun 'e concepisce.
I' so plebbeo e saccio tutt' 'o mmale
ca te cumbina chesta umanità".

A sti parole 'o ricco Sarchiapone
dicette: "Ludovì, io nun ce credo!
I' mo nce vò, tenevo nu padrone
ch'era na dama, n'angelo 'e buntà.

Mm'accarezzava comm'a nu guaglione,
mme deva 'a preta 'e zucchero a quadrette;
spisse se cunzigliava c' 'o garzone
(s'io stevo poco bbuono) ch' eva fà".

"Embè! - dicette 'o ciuccio - Mme faie pena.
Ma comme, tu nun l'he capito ancora?
Si, ll'ommo fa vedè ca te vò bbene
è pe nu scopo... na fatalità.

Chi pe na mano, chi pe n'ata mano,
ognuno tira ll'acqua al suo mulino.
So chiste tutte 'e sentimente umane:
'a mmiria, ll'egoismo, 'a falsità.

'A prova è chesta, caro Sarchiapone:
appena si trasuto int' 'a vicchiaia,
pe poche sorde, comme a nu scarpone,
t'hanno vennuto e si caduto ccà.

Pe sotto a chillu stesso carruzzino
'o patruncino tuio n'atu cavallo
se ll' è accattato proprio stammatina
pe ghi currenno 'e pprete d' 'a città".

'0 nobbile animale nun durmette
tutt' 'a nuttata, triste e ll'uocchie 'nfuse,
e quanno avette ascì sott' 'a carretta
lle mancavano 'e fforze pe tirà.

"Gesù, che delusione ch'aggio avuto!"-
penzava Sarchiapone cu amarezza.
"Sai che ti dico? Ll'aggia fa fernuta,
mmiezo a sta gente che nce campo a ffà?"

E camminanno a ttaglio e nu burrone,
nchiurette ll'uocchie e se menaie abbascio.
Vulette 'nzerrà 'o libbro Sarchiapone,
e se ne jette a 'o munno 'a verità.





L'acquaiola

Ogni matina scengo a Margellina,
me guardo 'o mare, 'e vvarche e na figliola
ca stà dint'a nu chiosco: è n'acquaiola.
Se chiamma Teresina,
si e no tene vint'anne,
capille curte nire nire e riccie,
na dentatura janca comm' 'a neve,
ncuollo tene 'a salute 'e na nutriccia
e na guardata d'uocchie
ca songo ddoje saette,
sò fulmine, sò lampe, songo tuone!
E i' giuro e ce scummetto
ca si resuscitasse Pappagone,
muresse cu n' 'nfarto
guardanno sta guagliona.
Essa ha capito ca i' sò nu cliente
ca 'e ll'acqua nun me ne 'mporta proprio niente
e me l'ha ditto cu bella maniera:
"Signò, cagnate strada... cu mme sta poco 'a fà
se chiamma Geretiello... è piscatore.
Fatica dint' 'a paranza 'e don Aniello".
Ma i' niente, tuosto corro ogni matína,
me vevo ll'acqua...
e me 'mbriaco comme fosse vino.





L'indesiderabile


Non so perchè se entro in una casa
è comme fosse entrato 'o schiattamuorto.
E nun mme faccio ancora persuaso
pecchè sta ggente po' mme guarda stuorto,
e sotto 'a lengua 'e ssento 'e rusecà.
"Ih quanto è brutto! Pozza jettà 'o sango!".
"Io 'o desse nu bicchiere 'e stricchinina!".
"Io quanno 'o veco faccio 'a faccia j'anca".
"Se n'adda accattà tutte mmericine!".
"Sotto a nu trammo mo che ghiesce 'a ccà!".

E nun capisco, po' pecchè sta ggente
si mostra si villana e senza classe,
che tengo 'a rogna, neh? I' so ll'agente,
ll'agente incaricato delle tasse.
'0 contribuente mm'adda rispettà'!





Zuoccole, tammorre e femmene

Tutte hanno scritto 'e Napule canzone appassiunate,
tutte 'e bellezze 'e Napule sò state decantate:
da Bovio a Tagliaferri, Di Giacomo a Valente;
in prosa, vierze e musica: ma chi po ddi cchiù niente?
Chi tene 'o curaggio 'e di' quaccosa
doppo ca sti puete gruosse assaie
d'accordo songo state a ddi una cosa:
ca stu paese nun se scorda maie.
Sta Napule, riggina d' 'e ssirene,
ca cchiù 'a guardammo e cchiù 'a vulimmo bbene.
'A tengo sana sana dinto 'e vvene,
'a porto dinto 'o core, ch' aggia fà?
Napule, si comme 'o zucchero,
terra d'ammore - che rarità!
Zuoccole, tammorre e femmene,
è 'o core 'e Napule ca vò cantà.
Napule, tu si adorabile,
siente stu core che te vò di:
"Zuoccole, tammorre e femmene,
chi è nato a Napule nce vo murì".






A Franca


Ammore, ammore mio,
chist'uocchie tuoie songo ddoje feneste
aperte, spalancate 'ncopp' 'o mare;
m'affaccio e veco tutte 'e ccose care
'nfunn'a stu mare, verde comme l'uocchie tuoie:
e veco 'o bbene, 'o sentimento, ammore,
e assaje cchiù 'nfunno ancora
io veco chello ca tu he dato a mme... 'o core.





Il cimitero della civiltà

Aiere ha fatto n'anno - 'o diece 'e maggio,
na matenata calda e chiena 'e sole -,
penzaie 'ncapo a me: "Cu che curaggio
io stamattina vaco a faticà!".
Facenno 'o paro e sparo mme susette:
"Mo mme ne vaco 'a parte 'e copp' 'o Campo".
Int'a ddiece minute mme vestette
cu 'e mucassine e cu 'o vestito blu.

Nun facette sparà manco 'o cannone
ca già stevo assettato int' 'a cantina,
annanze a nu piatto 'e maccarune:
nu zito ch'affucava int 'o ragù.

C' 'a panza chiena, a passo... chianu chiano
mme ne trasette dint'a na campagna,
mmocca nu miezo sigaro tuscano,
ca m' 'o zucavo comme 'o biberò.

Tutto a nu tratto veco nu spiazzale
chino 'e ferraglie vecchie e arrugginite.
E ched' è, neh?... nu campo 'e residuate:
"il cimitero della civiltà".

Nu carro armato cu 'a lamiera rotta...
trattore viecchie... macchine scassate...
n' "Alfetta" senza 'e qquatte rote 'a sotto...
pareva 'o campusanto d' 'a Pietà!

Guardanno a uno a uno sti ruttame,
pare ca ognuno 'e lloro mme diceva:
"Guardate ccà cosa addiventiamo
quanno 'a vicchiaia subbentra a giuventù".

Mmiezo a sta pace, a stu silenzio 'e morte,
tutto a nu tratto sento nu bisbiglio...
appizzo 'e rrecchie e sento 'e di cchiù forte:
"Mia cara Giulietta, come va?".

Chi è ca sta parlanno cu Giulietta?
Nmiezo a stu campo nun ce sta nisciuno...
Tu vuo vedè che l'hanno cu ll' "Alfetta"?
Cheste so ccose 'e pazze! E chi sarrà?

Mme movo chianu chiano... indifferente,
piglio e mm'assetto 'ncopp' 'o carro armato...
quanno 'a sotto mme sento 'e di: "Accidente!...
E chisto mo chi è?... Che vularrà?".

Chi ha ditto sti pparole? Chi ha parlato?
I' faccio sta domanda e zompo all'erta...
"So io ch'aggio parlato: 'o carro armato...
Proprio addu me v'aviveve assettà?

A Napule nun se pò sta cuieto.
Aiere un brutto cane mascalzone
se ferma, addora... aiza 'a coscia 'e reto,
e po' mme fa pipi 'nfaccia 'o sciassi".

"Vi prego di accettare le mie scuse,
v' 'e ffaccio a nome anche del mio paese;
Ma voi siete tedesco o Made in Usa?
E come vi trovate in Italy?".

"Sono tedesco, venni da Berlino
per far la guerra contro l'Inghilterra;
ma poi - chiamalo caso oppur destino -
'e mmazzate ll'avette proprio ccà!".

"Ah, si... mo mme ricordo... le mazzate
ch'avisteve da noi napoletani...
E quanto furon... quattro le giornate,
si nun mme sbaglio: o qualche cosa 'e cchiù?".

"Furon quattro.Mazzate 'a tutte pizze:
prete, benzina, sputazzate 'nfacccia...
Aviveve vedè chilli scugnizze
che cosa se facettero afferrà!".

"Caro Signore, 'o nuosto è nu paisiello
ca tene - è overo - tanta tulleranza;
ma nun nce aimma scurdà ca Masaniello
apparteneva a chesta gente ccà.

E mo mm'ite 'a scusà ll'impertinenza,
primma aggio 'ntiso 'e dì: "Cara Giulietta".
Facitemmella chesta confidenza:
si nun mme sbaglio era st' "Alfetta" ccà?".

"Appunto, si,è qui da noi da un mese...
'A puverella è stata disgraziata,
è capitata 'nmano a un brutto arnese,
... Chisto nun ha saputo maie guidà.

Io mm' 'a pigliasse cu 'e rappresentante,
cu chilli llà che cacciano 'e ppatente;
chiunque 'e nuie, oggi, senza cuntante,
se piglia 'a macchinetta e se ne va".

"Di macchine in Italia c'è abbondanza...-
rispose sottovoce 'a puverella -
si no che ffa... po' nce grattammo 'a panza:
chillo ca vene ll'avimmo acchiappà".

"Giulietta, raccontate qui al signore
i vostri guai" - dicette 'o carro armato.
L' "Alfetta" rispunnette a malincuore:
"Se ci tenete, li racconterò.

Come sapete, sono milanese,
son figlia d'Alfa e di papà Romeo,
per fare me papà non badò a spese;
mi volle fare bella "come il fò".

Infatti, mi adagiarono in vetrina,
tutta agghindata... splendida... lucente!
Ero un' "Alfetta" ancora signorina:
facevo tanta gola in verità!

Un giorno si presenta un giovanotto
cu tanto nu paccotto 'e cambiale,
io, puverella!, avette fà 'o fagotto,
penzanno:Chi sa comme va a fernì!

Si rivelò cretino, senza gusto:
apparteneva 'a "gioventù bruciata".
Diceva a tutti quanti: "Io sono un fusto;
'e ffemmene cu mmico hanna cadè!".

Senza rispetto, senza nu cuntegno...
cambiava tutt' 'e giorne... signorina:
ci conduceva al solito convegno...
... alla periferia della città.

Chello ca cumbinava 'o giuvinotto?
Chi maie ve lo potrebbe raccontare:
io nn'aggio mantenute cannelotte
'e tutte specie, 'e tutte 'e qqualità:

la signorina di buona famiglia,
a vedova, 'a zetella, 'a mmaretata...
E quanno succedette 'o parapiglia,
stavamo proprio cu una 'e chesti ccà.

In una curva, questo gran cretino,
volle fare un sorpasso proibito,
di fronte a noi veniva un camioncino,
un cozzo, svenni, e mo mme trovo ccà".

"A nu fetente 'e chisto ce vulesse
nu paliatone, na scassata d'osse'...
Ma comme - dico i' po' - sò sempe 'e stesse
ca t'hanna cumbinà sti guaie ccà?".

"E che penzate 'e fà donna Giulietta?".
"E ch'aggia fà? - rispose 'a puverella-
So che domani viene una carretta,
mme pigliano e mme portano a squaglià".

"Giulietta... via, fatevi coraggio -
(dicette 'o carro armato). lo ero un "Tigre",
il popolo tremava al mio passaggio!...
Mannaggia 'a guerra e chi 'a vulette fà!

lo so cosa faranno del mio squaglio:
cupierche 'e cassarole, rubinette,
incudini, martelli, o qualche maglio,
e na duzzina 'e fierre pe stirà"

"lo vi capisco... sono dispiaciuto...
ma p' 'e metalli 'a morte nun esiste;
invece 'e n'ommo, quanno se n'è ghiuto,
manco na cafettera se pò ffà!".




_________________
Il sole non ti serve per vedere perchè tu luce sei in mezzo al buio...(Lucia Di Iulio)


Ultima modifica di Beldanubioblu il Sab Feb 24, 2007 6:45 pm, modificato 2 volte in totale
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Beldanubioblu



Registrato: 24/09/05 18:59
Messaggi: 2017
Località: Triginto/Mediglia (Milano)

MessaggioInviato: Sab Feb 24, 2007 5:46 pm    Oggetto: Rispondi citando



'A passiona mia erano 'e rrose
'A passiona mia erano 'e rrose,
sultanto 'e rrose rosse.
Stu sciore m'era amico...
stu sciore me diceva tanti ccose,
ma nun m'ha ditto maje
ca steve n'atu sciore comm'a tte.
Forse pe ggelusia:
penzanne ca vedennete
i' mme scurdavo d'essa,
mm'annammuravo 'e te.
E comme infatti è overo, accussì è stato:
appena t'aggio vista, me songo 'nnammurato!
E mmò pe tutt' 'a vita,
'nfilato int' all'occhiello d' 'a giacchetta
porto sempe cu mme... na margarita!





Statuina a Francesca

Tu s a cchiù bella 'e tutt' 'e principesse,
'e tutt' 'e principesse si 'a riggina.
Pe tutt' 'a vita addenucchiato io stesse
a cuntemplà sta grazia accussì fina.
Tu femmena nun sì, tu sì na fata
impastata 'e latte, porcellana e rrose,
sta pella è d'alabbastro avvellutata...
(Perdoname si dico chesti ccose).

'Ncopp' a sta vocca fatta cu 'e ccerase,
e 'ncopp' a chesta massa 'e seta nera
ca tiene pe capille, quanta vase
io nce vulesse dà... matina e sera.

Chist'uocchie tuoie chin' 'e malincunia
ca tiene 'nfronte songo comm' a ll'esca,
songh'uocchie ca me fanno asci 'mpazzia.

St'anema mia s'addorme 'a notte e sonna
sunnanno 'e te, nun te chiamma Francesca;
ma saie comme te chiamma a tte? MADONNA!





Nu juorno all'intrasatta..


Nu juomo all'intrasatta
sentette 'e tuzzulià 'ncopp' a stu core:
-Mò chi sarà ca vene a tuzzulià proprio a chest'ora
a mme ca nun aspetto cchiù a nisciuno...-
...E allora?
Allora addimannaje: - Chi è? -
Na voce gentile rispunnette:
- Faciteme trasì. Cerco ospitalità -
'0 nomme aggia sapè-
- Me chiammano Violetta -
Subbeto spalancate 'a porta 'e chistu core
pe fa trasì stu sciore,
stu sciore delicato, stu sciore appassionato.
Appena isso trasette, a porta se 'nzerraje,
nun s'arapette cchiù,
cchiù pe nisciuno...
... maje.






Pe nun te scurdà cchiù


Na vota sulamente t'aggio visto
e chella vota sola m'è bbastata,
pe nun te scurdà cchiù.
T'aggio fotografata:
nu lampo 'mpietto a mme
e 'a lastra 'e chistu core
s'impressionale 'e te..

Se sviluppaje subbeto chesta fotografia,
stampanne la tua immagine
int' 'o cerviello mio.

Duje uocchie appassiunate,
na faccia 'e madunnella,
m' 'a porto int' 'o penziero
'a femmena cchiù bella!





'A femmena


'A femmena è na bella criatura
e quase sempe è ddoce comm' 'o mmele;
ma è vvote chistu mmele pe sventura,
perde 'a ducezza e addeventa fele.




'E ccorne

Ognuno 'e nuie nasce cu nu destino:
a malasciorta, 'e vvote, va.... po' torna;
chi nasce c' 'o scartiello arreto 'e rine,
chi nasce c' 'o destino 'e purtà 'e ccorne.
lo, per esempio, nun me metto scuorno:
che nce aggio a fà si tarde ll'aggio appreso?
Penzavo: si, aggio avuto quacche cuorno,
ma no a tal punto de sentirme offeso.

È stato aiere 'o juomo, 'a chiromante,
liggenneme cu 'a lente mmiezo 'a mano,
mm'ha ditto: "Siete stato un triste amante,
vedete questa linea comme è strana?

Questa se chiamma 'a linea del cuore,
arriva mmiezo 'o palmo e po' ritorna.
Che v'aggia di, carissimo signore;
cu chesta linea vuie tenite 'e ccorne.

Guardate st'atu segno fatto a uncino,
stu segno ormai da tutti è risaputo
ca 'o porta mmiezo 'a mano San Martino,
o Santo prutettore d' 'e comute".

Sentenno sti pparole int' 'o cerviello
accumminciaie a ffà,mille penziere.
Mo vaco a casa e faccio nu maciello,
pe Ddio, aggia fà correre 'e pumpiere.

"Ma no... Chi t' 'o ffa fà?" (na voce interna
mme suggerette)."Lieve ll'occasione.
'E ccorne ormai songhe na cosa eterna,
nun c'è che ffà,è 'a solita canzone.

'0 stesso Adamo steva 'mparaviso,
eppure donna Eva ll'ha traduto.
'ncoppa a sti ccome fatte nu surriso,
ca pure Napulione era cornuto!".




_________________
Il sole non ti serve per vedere perchè tu luce sei in mezzo al buio...(Lucia Di Iulio)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Beldanubioblu



Registrato: 24/09/05 18:59
Messaggi: 2017
Località: Triginto/Mediglia (Milano)

MessaggioInviato: Sab Feb 24, 2007 5:53 pm    Oggetto: Rispondi citando




Viola d'ammore

Pe nun me scurdà 'e te aggio piantato
dint'a nu vase argiento,na violetta
cu 'e llacreme 'e chist'uocchie l'aggio arracquata
e ll'aggio mise nomme:"Oh mia diletta!".
E songhe addeventato 'o ciardiniere
'e chesta pianta...simbolo d'ammore
"Oh dolce violetta del pensiero...
...he mise na radice int'a stu core!".






Che me manca!

I' tengo 'e llire, nun me manca niente,
me pozzo accattà chello ca me piace:
na statua d'oro, nu vapore argiento...
palazze, ville... case in quantità.
- Chi è cchiù felice 'e te?! - mme dice 'a ggente.
- Si ricco, si guaglione... che te manca? -
E chest' è overo, nun me manca niente.
Sulo na cosa mme vurria accattà...

Nu core... tutto core 'e tennerezza
ca me vulesse na muntagna 'e bbene...
ca me sbattesse 'mmano p' 'a priezza,
cuntento pe mme dà 'a felicità.

Dipende a me; nun voglio aspettà ancora.
Tuzzuliaje a porta 'e na figliola:
- Che t'aggia dà pe m'accattà stu core?
Qualunque prezzo, dì, che t'aggia dà? -

Me rispunnette cu bella maniera:
- '0 core nun se venne... se riala...
crediteme, ca io ve sò sincera...
cu 'e llire 'o core nun se pò accattà!






La donna


Chi l'ha criata è stato nu grand'ommo,
nun 'o vvoglio sapè, chi è stato è stato;
è stato 'o Pateterno? E quanno, e comme?
Ch'avite ditto? '0 fatto d' 'a custata?
Ma 'a femmena è na cosa troppo bella,
nun 'a puteva fà cu 'a custatella!
Per carità, non dite fesserie!
Mo v' 'o ddich'io comm' è stata criata:
è stato nu lavoro 'e fantasia,
è stata na magnifica truvata,
e su questo non faccio discussione;
chi l'ha criata è gghiuto int' 'o pallone!





Ngiulina


Chisto è 'o ritratto e chiste so' 'e capille:
na ciocca 'e seta nera avvellutata.
E cheste songo 'e llettere: cchiù 'e mille;
lettere 'e 'na guagliona nnammurata.
Ngiulina se chiammava sta figliola
ch'è stata 'a primma nnammurata mia.
Trent'anne sò passate... Mamma mia!

'A tengo nnanze a ll'uocchie, pare aiere:
vocca 'e curallo, 'na faccella 'e cera,
'nu paro d'uocchie verde, 'e cciglie nere,
senza russetto... semplice e sincera.

Teneva sidece anne e io diciotto.
Faceva 'a sartulella a 'o Chiatamone.
Scenneva d' 'a fatica 'mpunto ll'otto,
e mm'aspettava a me sotto 'o purtone.

Senza parlà, subbeto sotto 'o vraccio
nce pigliavemo e ghievemo a ffà ammore.
Vicino 'a casa soia, 'ncoppa Brancaccio,
parole doce e zucchero int' 'o core.

Mettennoce appuiate 'nfaccia 'o muro,
a musso a mmusso, tutt' e dduie abbracciate:
dint' 'a penombra 'e n' angulillo oscuro,
quanta suspire e vvase appassiunate!

'A tengo nnanze a ll'uocchie, pare aiere:
vocca 'e curallo, na faccella 'e cera;
nu paro d'uocchie verde, 'e cciglie nere,
senza russetto... semplice e sincera.





Balcune e llogge

Comme a na reggia, ricca e capricciosa,
ammubbigliaie sta casa 'e tutt' 'e ccose
che saccio che piacevano a sta sposa,
balcune e llogge carrecate 'e rose;
'ncoppa 'o buffè cunfiette e sciure 'e sposa,
Ch'addore 'e sciure 'arancio pe sta casa!
Sta casa c'addurava 'e mille rose,
che festa dinto a ll'aria s'era spasa!

Balcune e llogge carrecate 'e rose.
Mo sò rimasto sulo into a sta casa;
mme guardo attuorno e veco tutt' 'e ccose,
ma 'a sposa nun ce stà stà fore casa.

È morta... Se n' è ghiuta 'mparaviso!
Pecchè nun porto 'o llutto? - Nun è cosa,-
rispongo 'a ggente e faccio 'o pizzo a rriso,
ma dinto 'o core è tutto n'ata cosa!





Cuore


Ho preso questo cuore mesto e afflitto,
e triste l'ho gettato in mezzo al mare:
ma prima sopra col mio sangue ho scritto...
per non amare più, per non amare...







'0 saccio sultant'io


Sì cchiù bella 'e na pupata
Tu d' 'e rrose sì 'a riggina
cu sta pelle avvullutata
cu sta faccia 'e cera fina
st'uocchie tuie songo doie stelle
si 'a cchiù bella 'e tutte 'e belle.
Quanno parle, chesta voce
è na musica celeste,
dice 'a gente:"Comm'è doce,
chesta è n'angelo... terrestre".

Ma nun sape chesta gente
quanto tu si malamente;
chest' 'o saccio sultant'io
che' è spezzato 'o core mio.

Cu sta faccia 'e Madunnella
nun appena te vedette
chest' è l'anima gemella
io pensaie e m' 'o credette.
Dint'a ll'uocchie te guardaie
pazz' 'e te m'annammuraie.

E c' 'o velo bianco 'e sposa
te purtaie annant'a Cristo
me giuraste tanti cose
e giuranno me tradiste.

No, nun sape chesta gente
quanto tu si malamante
chest' 'o saccio sultant'io
e cu mmico 'o sape Ddio.

Cu sta faccia 'e cera fina
si na rosa 'e malaspina







Esempio


Pe mme la donna è comme 'a mascatura:
pe farla funzionà nce vò 'o chiavino.
Senza 'o chiavino tu può stà sicuro,
fa 'a ruggine e nun haje cchiù che ne fà!...




Passione

Sulla mia bocca ancora c'è il sapore
delle tue labbra come un fiore rosso,
l'alito profumato, il tuo calore
di questa febbre che mi hai messo addosso:
mi brucia questa febbre nelle vene
e sol per te questo mio cuore duole,
duole d'amor perché ti vuole bene:
morir d'amor per te, sol questo vuole.

Bella superba come un'orchidea,
creatura concepita in una serra,
nata dal folle amore d'una Dea
con tutti i più bei fiori della terra.

Dal fascino del mare misterioso
che hai negli occhi come calamita
vorrei fuggir lontano, ma non oso,
signora ormai tu sei della mia vita.

Come uno schiavo sono incatenato
alle catene della tua malia
e mai vorrei che fosse ahimè
spezzato il dolce incanto della mia follia.




_________________
Il sole non ti serve per vedere perchè tu luce sei in mezzo al buio...(Lucia Di Iulio)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Beldanubioblu



Registrato: 24/09/05 18:59
Messaggi: 2017
Località: Triginto/Mediglia (Milano)

MessaggioInviato: Sab Feb 24, 2007 6:29 pm    Oggetto: Rispondi citando

CANZONI

Malafemmena


Si avisse fatto a n'ato
chello ch'e fatto a mme
st'ommo t'avesse acciso,
tu vuò sapé pecché?
Pecché 'ncopp'a sta terra
femmene comme a te
non ce hanna sta pé n'ommo
onesto comme a me!...

Femmena
Tu si na malafemmena
Chist'uocchie 'e fatto chiagnere..
Lacreme e 'nfamità.

Femmena,
Si tu peggio 'e na vipera,
m'e 'ntussecata l'anema,
nun pozzo cchiù campà.

Femmena
Si ddoce comme 'o zucchero
però sta faccia d'angelo
te serve pe 'ngannà...

Femmena,
tu si 'a cchiù bella femmena,
te voglio bene e t'odio
nun te pozzo scurdà...

Te voglio ancora bene
Ma tu nun saie pecchè
pecchè l'unico ammore
si stata tu pe me...

E tu pe nu capriccio
tutto 'e distrutto,ojnè,
Ma Dio nun t'o perdone
chello ch'e fatto a mme!...




Miss,mia cara miss



La incontrai per caso a Messina,
proveniva da Canicattì
prese posto sulla littorina,
che partiva gremita quel di
Al mio sguardo, ben chiaro e palese,
sorridendo rispose di sì
Allora io, col mio nobile inglese,
sottovoce le dissi così:


Miss, mia cara Miss,
io faccio il fesso
ma fesso non so'
Miss, mia dolce Miss
son genuflesso ai tuoi piedi però
Insisto e cantoti
quel canto che sai tu
il cantico dei cantici
"Nel blù dipinto di blù"
Miss, mia cara Miss,
faccio a scummessa
che tu sai già cos'è
Miss, mia cara Miss,
tu l'hai capito
io che voglio da te


Miss, mia cara Miss,
nu cuoppo allesse
io divento pe' te
Miss, mia dolce Miss,
scaveme a fossa
ca io moro pe tte
Perdonami se cantoti
quel canto che sai tu
il cantico dei cantici
"Nel blù dipinto di blù"
Miss, mia cara Miss,
faccio a scummessa
ca io mi sposo a tte
Miss, mia dolce Miss,
io voglio il bis e,
tu già sai di che.


La baciai, mi baciò; ci baciammo,
stretti stretti abbracciati così
per un'ora e tre quarti filammo
tutt'assieme sparò mezzodì
Or mi scrive una lettera al mese
e mi dice: «Mio caro mimì,
io rispondo al tuo nobile inglese
ma però nun riesco a capi'




Carme' Carme'




Pure st'anno 'a primmavera,
me trasuto dint'o core
cu na smania'e fa l'ammore
cu nu fuoco 'e giuventù,
quanno veco a na figliola,
me va o sango dint'a ll'uocchie
po' me tremmano 'e denocchie
e nun garro niente cchiù?

CARME'CARME',
Tu sola nun ma basta,
me ce ne vonno tre,
CARME'CARME',
i' songo 'e bona pasta
V'accuntento a' tutte' e ttre.
CARME'CARME',
Io nun'o faccia apposta,
e tu chesta ll'he 'a sapè,
CARME'CARME',
lo tengo a capa tosta,
tosta, tosta
comma 'a chè.

Per ogni uomo, tre mugliere
steva scritto, int'o giurnale
mo na legge speciale
faciarranno 'e ssaie pecchè,
pecchè l'uommene so' poche,
mentre a donna e in abbondanza
me ne voglio fa na panza,
n'ti ddoie a fore 'e te.

CARME'CARME',
Tu sola nun ma basta,
me ce ne vonno tre,
CARME'CARME',
i' songo 'e bona pasta
v'accuntento 'a tutte 'e ttre;
CARME'CARME',
i' nun 'o faccia apposta,
e tu chesta ll'he 'a sapè,
CARME'CARME',
lo tengo a capa tosta,
tosta, tosta comm'a chè.





Filomè

Quando sto vicino a te,
Filomè,Filomè
io divento asmatico,
'mpiett' 'o core sai che ffa,
zompa 'a cca, zompa 'a lla,
ogni botta fa ta ta.
Se pranziamo tete-à-tete,
'mbocca a te, 'mbocca a me,
questo è sistematico,
non capisco niente più,
vedo giallo e dico: è blu,
ti domando come fu,
tu rispondi su per giù

Tu sei bella, troppo bella,
quel che c'hai io non lo so,
tieni 'a capa ca è na palla,
tieni 'a sguessera 'e Totò.
A baciarti ho fatto il callo
e non mangio da quel di,
cu na fella 'e muzzarella
stongo fin' 'o lunnedi.

Filomè,Filomè,Filomè,
sono un uomo e non sono un marmocchio,
Filomè,Filomè,Filomè,
se ti guardo barcollo e sconocchio,
Filomè se sconocchio e barcollo
barcollo e sconocchio soltanto per te.

So che viene appresso a te,
Filomè Filomè,
un signore strabico,
se lo incoccio a spasimà,
sparo a te, sparo a me,
sparo pure a chillu llà.
Son geloso e lo sai ben,
Filomè Filomè,
che mi mangio il fegato,
a Chianciano me ne andrò
ma la cura non la fo,
per dispetto mangerò fegatini di ..,
uova dure e un rococò

Meglio se nc'appizza 'a pelle
che a campar senza il tuo amor,
quanno chiove 'nzerro 'o 'mbrello,
piglio pure il raffreddar.
Come vedi il dado è tratto,
nun me 'mporta c'aggia fà,
tengo 'a scabbia e nun m' 'a gratto
e me moro 'e m' 'a grattà.

Filomè,Filomè,Filomè,
sono un uomo e non sono un marmocchio,
Filomè,Filomè,Filomè,
se ti guardo barcollo e sconocchio,
Filomè se sconocchio e barcollo
barcollo e sconocchio soltanto per te.





La mazurka di Totò

Quando sei solo e giovane
quanti sogni in fondo al cuore...
ti senti triste e povero
se la vita è senza amore.

Prendi la fisarmonica,
fai dischiudere un balcone
e a una bella signorina
canta una canzone su per giù così:

"Mia bella signorina
che ascolti lassù...
socchiudi gli occhi e sogna
socchiudi gli occhi e sogna...
un giovanotto e un cuor,
che ti piace di più...
e ad altro non pensare
finchè c'è la gioventù...

Sogna di una tua casetta
e un bel chiaro di luna...
sogna un bel pupo biondo
o una bambola bruna...
Mia bella signorina
che ascolti lassù...
socchiudi gli occhi e sogna
finchè c'è la gioventù..."






Povero core mio


Dopo tant'anne ammore m'ha lassato
e se n'è ghiuta comme fosse niente,
stu core galantomo ha disprezzato
pe n'ommo ca nun è cchiù meglio 'e me.
No, nun voglio suffrì pe chist'ammore,
a chistu core 'o dico ogni mumento,
truovat' 'a n'ata e scuorde stu dulore,
te songo amico e tu he 'a senti a me.
Povero core mio, povero core,
chesto capita a te ca sì Signore,
nun 'a penzà, t' 'o cerco per favore
'o vuò capì ca nun è degn' 'e te.
Chell'è na 'nfama e tu si nu Signore,
chell'è bugiarda e tu core sincero.
Si ancora vuò soffrì pe chist'ammore
chiagnie pe cunto tuio ca io mo sto allegro.

Aggio saputo ca mo s'è pentita,
ca vò turnà, ca chiagne e dice a gente
c'ha fatto pure 'o vuto a Santa Rita
che lle facesse 'a grazia 'e turnà a me.
Stu core mio, Signore, l'ha sentuto!
Perdonala, me dice, nun fa niente,
io nun risponno, no, io resto muto,
aggio deciso 'e penzà sulo a me







Tu si tutto pe mme


'A vita senz'ammore nun è vita
senza ll'ammore no, nun se pò sta;
ognuno adda tenè na calamita
sta calamita è na necessità.
Tu si tutto pe mme
si a vita mia
chist'ammore nun è
na fantasia.
Tutt' 'o bbene 'e chistu bbene
anema 'e st'anema.
Tutt'ammore e chist'ammore
mio si tu.
Che farria senza te
passiona mia,
tu si tutto pe mme
si 'a giuventù,
campo sultanto pe tte,
suspiro e canto pe tte.
Tu si tutto pe' mme
si 'a giuventù.







I' voglio bene 'e femmene


I' voglio bene 'e femmene,
pe me sò tutte belle,
fruttiera 'e chistu popolo,
che s'adda assapurà...
Figliole 'e 'ncopp' 'o Vommero,
Turretta e Margellina,
venite pe Pusilleco,
ve faccio cunzulà!...
Femmene,
femmene, 'e tutta Napule!
Figliole 'e chistu popolo
comme ve voglio amà!
Comme ve voglio amà!
Femmene,
vuje site doce e amabile,
mocca tenite 'o zucchero,
facite cunzulà, facite cunzulà.
Me piace 'a bruna
ch'è sempe chiù scorbutica...
Me piace 'a bionda,
c'attira e sape fà!...
Femmene, belle, cianoiose e sprucete,
nun saccio a chi aggia scegliere,
a chi m'aggia piglià!...

Si accusentesse 'o Sinnaco
comme 'a nu gran sultano,
cu ciento e diece femmene
io me vurria accasà!...
Tre bionde e sette creole,
nu centenaro 'e brune...
I' voglio bene 'e femmene,
femmene 'e tutte età!...




Ischia mia!

Fra tante belli cose c'ha criato
'o Padreterno 'ncopp' a chesta terra,
na cosa ha fatto che nce s'è spassato:
immiez' a nu golfo nu pezzullo 'e terra.
E 'ncoppa a chesta terra profumata,
c'addora 'e pace e regna na quieta,
chest'isola da tutte decantata,
te ce ha piazzato pure na pineta.
Ischia, paraviso 'e giuventù,
Ischia, chistu mare è sempre blu!
Chistu cielo ch'è n'incanto,
chistu golfo ch'è nu vanto
chesto 'o tiene sulo tu!
Sti bellizze songhe 'o vero!
Chesto 'o dice 'o forestiero,
ca scurdà nun te pò cchiù.

'A primma vota ca nce sò venuto
'ncopp' a stu scoglio d'oro illuminato,
senza parola sò rimasto, e muto
pe chesta spiaggia me sò 'ncammenato...
Vedenno cu 'o due pezzi sti ffigliole,
'a verità?, so asciuto d' 'o sentiero:
i' ch'ero già mbriaco 'e mare, 'e sole,
overo, sì, aggiù fatto nu pensiero...






fonte:http://www.napoli.ch/canzonitoto/tusituttopeme.html


_________________
Il sole non ti serve per vedere perchè tu luce sei in mezzo al buio...(Lucia Di Iulio)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Le Poesie dei Grandi Poeti Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum


Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group