CLICCA QUI SE TI PIACE

INNAMORATI DELLA MADONNA DEL SASSOLINO E DEL CUORE DI GESÚ: GOCCE DI LUCE.

 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista degli utentiLista degli utenti   Gruppi utentiGruppi utenti   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi PrivatiMessaggi Privati   LoginLogin 

Benedizione agli amici del FORUM:Per intercessione del Cuore Immacolato di Maria vi benedica Dio Onnipotente: Padre, Figlio e Spirito Santo. Amen.Don Armando Maria... Vi comunichiamo che è online il nuovo sito www.goccediluce.org. Lo Staff
Napoli & i suoi Poeti - Salvatore Di Giacomo

 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Le Poesie dei Grandi Poeti
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Beldanubioblu



Registrato: 24/09/05 18:59
Messaggi: 2017
Località: Triginto/Mediglia (Milano)

MessaggioInviato: Gio Mar 09, 2006 11:08 pm    Oggetto: Napoli & i suoi Poeti - Salvatore Di Giacomo Rispondi citando

CLIKKA
X ASCOLTAR LA MUSICA








Salvatore Di Giacomo


Salvatore Di Giacomo nacque a Napoli il 12 marzo 1860. Appassionato fin dalla giovinezza allo scrivere venne indirizzato dalla famiglia agli studi scientifici e bravamente frequentò con profitto i primi tre anni della Facoltà di Medicina. Poi un giorno di ottobre del 1886 abbandonò l'aula durante una lezione ed iniziò a lavorare al Corriere del Mattino curando la parte letteraria. Dal Corriere passò al Pro Patria e da questo alla Gazzetta. Come giornalista si distinse soprattutto scrivendo liriche, novelle e drammi. La sua forma, musicale e pittorica insieme, è ammirevole per sobrietà e curatissima in ogni particolare, segnatamente nelle opere in dialetto napoletano; e, quando fine nell'arte, altrettanto aborrente dalla letteratura, dall'enfasi, dagli effetti, da tutto ciò, insomma, che è facile e comune. Passò gli ultimi anni come bibliotecario della Nazionale di Napoli. Vecchio e malato fu nominato Accademico d'Italia nel 1929. Morì a Napoli nella primavera del 1934. Alcune sue liriche furono musicate e divennere fomosissime canzoni quali: Quanno sponta la luna a Marechiare o La luna nova nmez'a lu mare.



MARECHIARE

Quanno sponta la luna a Marechiare
pure li pisce nce fanno a ll'ammore,
se revoteno ll'onne de lu mare,
pe la priezza cagneno culore,
quanno sponta la luna a Marechiare...

A Marechiare ce sta na fenesta,
la passione mia ce tuzzulea,
nu carofano addora 'int'a na testa,
passa ll'acqua pe sotto e murmulea...
a Marechiare ce sta na fenesta...

Chi dice ca li stelle so' lucente
nun sape st'uocchie ca tu tiene nfronte,
sti doie stelle li saccio io sulamente,
dint' a lu core ne tengo li pponte,
chi dice ca li stelle so' lucente....

Scétete Caruli' ca ll'aria è doce,
quanno maie tanto tiempo aggio aspettato?
P'accunpagnà li suone cu la voce,
stasera chitarra aggio purtata...
Scé Caruli' ca ll'aria è doce!...





Era de Maggio
(1885)
Versi di S. Di Giacomo — Musica di P. M. Costa

Era de maggio e te cadeano ‘nzino
a schiocche a schiocche li ccerase rosse...
Fresca era ll’aria e tutto lu ciardino
addurava de rose a ciente passe.

Era de maggio — io, no, nun me scordo —
na canzona cantàvamo a ddoje voce:
cchiù tiempo passa e cchiù me n’allicordo,
fresca era ll’aria e la canzona doce.

E diceva. «Core, core!
core mio, luntano vaje;
tu me lasse e io conto ll’ore,
chi sa quanno turnarraje!»

Rispunnev’io: «Turnarraggio
quanno tornano li rrose,
si stu sciore torna a maggio
pure a maggio io stonco cca».

E so’ turnato, e mo, comm’a na vota,
cantammo nzieme lu mutivo antico;
passa lu tiempo e lu munno s’avota,
ma ammore vero, no, nun vota vico.

De te, bellezza mia, m’annamuraje,
si t’allicuorde, nnanze a la funtana:
l’acqua Ilà dinto nun se secca maje.
e ferita d’ammore nun se sana.

Nun se sana; ca sanata
si se fosse, gioia mia,
mmiezo a st’aria mbarzamata
a guardare io nun starria!

E te dico — Core, core!
core mio, turnato io so’:
torna maggio e torna ammore,
fa de me chello che buo’!




A retirata
(1887)
Versi di S. Di Giacomo — Musica di P.M. Costa

Gioia bella.
pe’te vedé
c'aggio fatto
nun può sapé!

Si putesse parlà stu core,
quanta cose vulesse di’;
ma, chiagnenno pe’ lu dulore,
io m’ ‘o scippo, pe’ n’ ‘o sentì!

Napule e nenne belle,
addio v’avimm’ ‘a di’...
Sentite ‘a retirata?
Ce n ‘ avimmo da trasi!

Dice ‘a gente
parlanno ‘e me,
ca si parto
mme scordo ‘e te!

A ‘sta gente stu core mio,
pe’ risposta tu fa’ vede’,
e dincello ca, si part’io,
tiene mmano nu pigno ‘e me.

Napule e nenne belle,
addio v’ avimm’ ‘a di’...
Sentite ‘a retirata?
Ce n ‘ avimmo da trasì!

Gioia bella,
te l’aggi’ ‘a di’
ca dimane
s’ha dda partì!

Statte bona, può sta sicura
c’ ‘a medaglia voglio turnà!
A stu core tiénece cura,
si nun torno nun ‘o jettà!

Napule e nenne belle,
addio v’avimm’ ‘a di’...
Sentite ‘a retirata?
Ce n avimmo da trasì!


Catarì
(1892)
Versi di S. Di Giacomo — Musica di P.M. Costa

Marzo: nu poco chiove
e n'ato ppoco stracqua
torna a chiòvere, schiove;
Ie ‘o sole cu ll’acqua.

Mo nu cielo celeste,
mo n’aria cupa e nera,
mo d’ ‘o vierno ‘e ‘tempeste,
mo n’aria ‘e Primmavera.

N'auciello freddigliuso
aspetta ch'esce o sole,
ncopp’ ‘o tterreno nfuso
suspirano ‘e viole...

Catarì, che vuò cchiù?
Ntienneme, core mio,
Marzo, tu ‘o ssaje, si’ tu,
e st’auciello song’ io.



E ttrezze ‘e Carulina
(1895)
Versi di S. Di Giacomo — Musica di S. Gambardella

Oj pètteno, che piéttene
‘e ttrezze ‘e Carulina,
damme nu sfizio, scippala,
scippala na matina.

E tu, specchio — addò lùceno
chill’uocchie, addò, cantanno,
ride e se mmira, — appànnete
quanno se sta mmiranno!

Lenzole, addò se stènneno
e ccarne soie gentile,
nfucàteve, pugnitela,
tutto stu mese ‘Abbrile!

E vuie, teste d’anèpeta,
d’aruta e resedà,
seccàte ncopp’ a ll’àsteco
faciteve truvà...

Mo ‘o petteno, che pettena
‘e ttrezze ‘e Carulina,
è sempre ‘o stesso petteno
‘e tartaruga fina;

O specchio è de Venezia
e nun ha fatto mossa;
e lienzulelle smoveno
n’addore ‘e spicaddossa...

E manco nun me senteno
l1’aruta e ‘a resedà:
cchiù ampresso, ‘ncopp’a ll’asteco,
Abbrile ‘e ff a schiuppà!

E sti scungiure — è inutile —
nn’ a ponno cchiù arrivà:
cchiù nfama e cchiù simpatica,
cchiù bella assaje se fa!



Lariulà
(1888)
Versi di S. Di Giacomo — Musica di P.M. Costa

— Frutto ‘e granato mio, frutto ‘e granato,
quanto t’aggio stimato a tiempo antico!
Tienete ‘o muccaturo arricamato,
tutta sta rrobba mia t’ ‘a benedico...

— Quanto si’ bello e quanto si’ curtese!
Io t’era indifferente e mo se vede;
tecchete ‘o muccaturo ‘e seta ingrese,
fussero accise ll’uommene e chi ‘e ccrede!

Ah, lariulà!
Lariu-lariu-lariulà!
L’ammore s’è addurmuto,
nun ‘o pozzo cchiù scetà!

— E quanno è chesto, siente che te dico:
io faccio ‘ammore cu na farenara;
tene nu magazzino, ‘mt’ a stu vico,
ll’uocchie che tene so’ na cosa rara!

— E quanno è chesto, i’ pure faccio ‘ammore,
e a n’ato ninno mo tengo ‘o penziere;
s’ereno date a ffuoco anema e core;
mme so’ raccumannata a nu pumplere...

ah, lariulà!
— l'ammore s’è scetato,
guarda... e ride, oi’ lariulà!

- Ah, vocca rossa comme a nu granato!
chi ‘o ssape ‘o tiempo antico si è fernuto?...
Chello ch’è certo è ch’io sto ntussecato,
o sapore d”o pane aggiu perduto!...

— Si’ stato sempe bello e ntussecuso,
pure, siente, vide che te dico,
nun me mporta ca si’ furiuso,
oglio campà cu te, muri cu ttico!

Ah, lariulà!
Lariu-lariu-lariulà!
L'ammore s’è addurmuto,
nun ‘o pozzo cchiù scetà!



Oilì, Oilà
(1885)
Versi di S. Di Giacomo — Musica di P. M. Costa

Carmè, quanno te veco
mme sbatte ‘o core!
dimmelo tu ch’è chesto
si nun è ammore?
Chest’è ammore,
oilì, oilà!
E dincello a mamma toja,
si te vo fa mmaretà.

Coro:
Carmè, dincello,
nu bello maretiello
è sempe buono.
Si no tu rieste sola,
sola, sola, — e lariulà!...
‘A verità ce vo’ na cumpagnia!

Comm’acqua a la funtana
ca nun se secca,
l’ammore è na catena
ca nun se spezza.
Nun se spezza,
oilì, oilà!
Si se spezza... buonasera,
nun se po’ cchiù ncatenà!

Coro.’
Carmè, Tu ‘o ssiente?
nu bello maretiello
è sempe buono.
Si no tu rieste sola,
sola, sola, — e lariulà!...
‘A verità ce vo’ na cumpagnia!

Stu core aggio perduto
mmiezo a na via!
Tu certo l’aje truvato!
bellezza mia!
L’ajc truvato,
oilì, oilà!
l’aje truvato e l’annascunne,
ma vengh’io pe m’ ‘o piglià!

Coro di donne:
Carmè, dancillo,
nu bello maretiello
è sempe buono.
Si no tu rieste sola,
sola, sola, — e lariulà!...
‘A verità ce vo’na cumpagnia!


Lucia
_________________
Il sole non ti serve per vedere perchè tu luce sei in mezzo al buio...(Lucia Di Iulio)


Ultima modifica di Beldanubioblu il Sab Feb 24, 2007 4:55 pm, modificato 4 volte in totale
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Beldanubioblu



Registrato: 24/09/05 18:59
Messaggi: 2017
Località: Triginto/Mediglia (Milano)

MessaggioInviato: Gio Mar 09, 2006 11:16 pm    Oggetto: Rispondi citando


Carcioffolà

(1893)
Versi di S. Di Giacomo Musica di E. Di Capua

— Oi mamma, mamma — che luna, che luna
Mme vene, mme vene
malincunia!...
Coro: Malincunia!
E’ si ‘sta luna — mme porta furtuna
mmariteme ampresso,
mammella mia!
Coro: Mammella mia!
— E dimme a chi vuò...
C’ o’ ndanderandì!
Ca piglio e t’ ‘e donco.
Coro. C’ ‘o ndanderandò!
— Nun saccio a clii voglio,
cunziglieme, ma’;
ca troppo mme mbroglio,
Coro: C’ ‘o ndanderandà!
E ndanderandì!
E ndanderandà!
Che bona figliola!
Carcioffolà

Oi figlia, figlia, — vulisse ‘o pumpiere
ca spàrpeta e more
pe’ st’uocchie nire?

Coro: Pe’ st’uocchie nire!
E' stato fatto sargente ll’atriere
bello, è figliulo,
s'abbusca ‘e llire!
Coro: S’abbusca ‘e llire?
- Qi mmamma gnernò!
Coro. C’ ‘o ndanderandì!
Truvatene a n’ato.
Coro: C’ ‘o ndanderandò!
Si voglio ‘o vrasiere
na vota appiccià,
m’ ‘o stuta ‘o pumpiere!
Coro. C’ ‘o ndanderandà!
E ndanderandì!
E ndanderandà!
Che bona figliola!
Carcioffolà

— ‘O campanaro — ca sta dint’ ‘o vico,
m’ha fatta m’ha fatta
na mmasciatella...
Coro: Na mmasciatella!
Qi gnò — m’ha ditto — sentite a n’amico:
tenite na figlia
ch’è troppo bella!
Coro: Ch’è troppo bella!

E dimme si ‘o vuò...
Coro. C’ ‘o ndanderandì!
Oi ma’ nun ‘o voglio!
Coro: C’ ‘o ndanderandò!
Se sose a primm’ora,
va fora a sunà
e piglia e se nn’esce!
Coro: C’ ‘o ndanderandà!
E ndanderandì!
E ndanderandà!
Che bona figliola!
Carcioffolà
che luna lucente
— Oi mamma, mamma —
che stelle, che stelle
ca stanno ‘ncielo!
Coro: Ca stanno ‘ncielo!
01 ma’, sentite... — teniteme mente...
Pigliateme ‘e sposa
na vesta e ‘o velo...
Coro: Na vesta e ‘o velo...
Se' mise mo so...
Coro: C’ ‘o ndanderandì!
Ca saccio a nu ninno...
Coro: C’ o’ ndanderandò!
Si’ zita! — m’ha ditto:
so zita, neh ma’?...
Embè, datemilio!’...

coro: C’ o’ ndanderandà!
E ndanderandì!
E ndanderandà!
Che bona figliola!
Carcioffolà



'E ttrezze ‘e Carulina
(1895)
Versi di S. Di Giacomo — Musica di S. Gambardella

Oj pètteno, che piéttene
‘e ttrezze ‘e Carulina,
damme nu sfizio, scippala,
scippala na matina.

E tu, specchio — addò lùceno
chill’uocchie, addò, cantanno,
ride e se mmira, — appànnete
quanno se sta mmiranno!

Lenzole, addò se stènneno
e ccarne soie gentile,
nfucàteve, pugnitela,
tutto stu mese ‘Abbrile!

E vuie, teste d’anèpeta,
d’aruta e resedà,
seccàte ncopp’ a ll’àsteco
faciteve truvà...

Mo ‘o petteno, che pettena
‘e ttrezze ‘e Carulina,
è sempre ‘o stesso petteno
‘e tartaruga fina;

O specchio è de Venezia
e nun ha fatto mossa;
e lienzulelle smoveno
n’addore ‘e spicaddossa...

E manco nun me senteno
l1’aruta e ‘a resedà:
cchiù ampresso, ‘ncopp’a ll’asteco,
Abbrile ‘e ff a schiuppà!

E sti scungiure — è inutile —
nn’ a ponno cchiù arrivà:
cchiù nfama e cchiù simpatica,
cchiù bella assaje se fa!



Napulitanata
(1884)
Versi di s. Di Giacomo - Musica di P.M. Costa

Uocchie de suonno, nire, appassiunate,
ca de lu mmele la ducezza avite,
pecché, cu sti gguardate ca facite,
vuje nu vrasiero mpietto m'appicciate?

Ve manca la parola e mme parlate,
pare ca senza lacreme chiagnite,
de sta faccella janca anema site,
uocchie belle, uocchie doce, uocchie affatate!

Vuje, ca nziemme a li sciure v'arapite
e nzieme cu li sciure ve nzerrate,
sciure de passione mme parite.

Vuje, sentimento de li nnamurate,
mm'avite fatto male e lu sapite,
uocchie de suonno, nire, appassiunate.




Pianefforte 'e notte


Nu pianefforte 'e notte
sona luntanamente,
e 'a museca se sente
pe ll'aria suspirà.

È ll'una: dorme 'o vico
ncopp' a nonna nonna
'e nu mutivo antico
'e tanto tiempo fa.

Dio, quanta stelle 'n cielo!
Che luna! e c'aria doce!
Quanto na della voce
vurria sentì cantà!
Ma sulitario e lento
more 'o mutivo antico;
se fa cchiù cupo 'o vico
dint'a ll'oscurità..

Ll'anema mia surtanto
rummane a sta fenesta.
Aspetta ancora. E resta,
ncantannese, a pensà.


CLIKKA
X ASCOLTAR LA MUSICA




_________________
Il sole non ti serve per vedere perchè tu luce sei in mezzo al buio...(Lucia Di Iulio)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Beldanubioblu



Registrato: 24/09/05 18:59
Messaggi: 2017
Località: Triginto/Mediglia (Milano)

MessaggioInviato: Sab Feb 24, 2007 5:29 pm    Oggetto: Rispondi citando

tutto su TOTO' - ANTONIO DE CURTIS
CLIKKA

_________________
Il sole non ti serve per vedere perchè tu luce sei in mezzo al buio...(Lucia Di Iulio)
Torna in cima
Profilo Messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Le Poesie dei Grandi Poeti Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum


Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group